Giorno Quarantanove – Un Sabato di Liberazione

Amici e lettori tutti, oggi è il 25 Aprile. Sembra strano festeggiarlo mentre siamo tutti chiusi in casa ma non è certamente la situazione più strana vista in questa pandemia. Che nonostante un lockdown della durata oramai di tre – quattro volte il tempo di incubazione del Coronavirus continua a mietere vittime.

Eppure, in mezzo a questa voglia di aprire, noi non riusciamo a essere ottimisti. Il numero dei morti giornalieri questa settimana è rimasto attorno ai 400 ed è inevitabilmente e interamente composto da persone che si sono contagiate durante le attuali misure in essere. Domani il governo deve dare le linee guida da seguire dopo il 4 maggio, ma cosa accadrebbe se anche la prossima settimana ci trovassimo con un numero di morti uguale a quella appena passata?

Dall’altro lato capiamo anche la preoccupazione del governo. L’economia potrebbe andare definitivamente a rotoli se dovessimo stare chiusi un altro mese e quindi.. eccoci pronti a rischiare qualche migliaio di morti da mettere sul tavolo delle trattative con l’Europa. Frase un po’ amara da pronunciare nell’anniversario del 25 Aprile, non trovate?

Noi comunque saremo molto cauti anche dopo il giorno quattro Maggio, statene certi. Ci fidiamo poco di queste task force e ancora di più delle misure prese per l’economia, che ci appaiono a dir poco ridicole, sopratutto dopo la sonora sconfitta che ci ha assestato l’Europa questa settimana. Ma di questo avremo molto altro tempo per parlarne, in particolare dopo il cinque maggio che rappresenterà una data chiave per via della sentenza della Corte Costituzionale Tedesca che abbiamo già menzionato.

Visto che oggi non abbiamo fatto assolutamente niente, zero smart working e zero attività, ci sembra il caso di chiudere definitivamente qui la giornata. Come (quasi) sempre vi lasciamo con una immagine di serenità e di speranza, che oggi ci arriva dal lungolago di Bardolino, uno dei panorami più belli sul lago di Garda e una delle passeggiate più belle che si possano fare in una giornata primaverile come quella di oggi. Auspichiamo di poter tornare presto a farle. Come sempre, tenete duro e a domani.

bardolino lago di garda passeggiata

Giorno Ventotto – Patrimoniale sui conti correnti bancari

Sara’ patrimoniale sui conti correnti italiani?

Amici, perdonate il titolo non particolarmente ottimistico ma la Germania ha deciso di metterci all’angolo definitivamente. Oggi, come previsto nel nostro editoriale di ieri, si sono comprati i francesi e quindi noi rimaniamo scoperti e senza nessuna sponda a cui affidarci per cercare di fare pressione sul nemico tedesco.

Lo ribadiamo, giusto perché non ci siano dubbi sul nostro pensiero: questi sono dei pazzi furiosi. Anche ammendo che il nostro governo riesca a imporre quella patrimoniale del 25% che serve per far ripartire l’Italia.. ma come fanno a pensare i tedeschi di ritornare tranquillamente nella loro meta preferita per le vacanze nel 2021? Non penseranno che ci dimentichiamo un simile atto? Gli episodi di intolleranza andranno alle stelle e molti politici sono lì pronti a soffiare sul fuoco in maniera particolarmente aggressiva. E se mai qualcuno se lo fossero già comprato, state sicuri che ne spunterebbe qualcuno di nuovo.

Lasciateci scrivere un’altra cosa a chiare lettere: senza uno shock monetario noi come paese non ne usciamo dalla crisi attuale. Senza fare apparire 300 – 400 miliardi di euro nelle tasche dei cittadini e delle aziende siamo condannati ad una decade di recessione e ad avere una disoccupazione del 20% strutturale il che significherebbe dovere estendere il reddito di cittadinanza ad una enorme percentuale della popolazione. La Germania su questo e’ d’accordo, ma lo saranno anche i normali cittadini?

Pedonateci se lo facciamo notare, ma prima o dopo ci dovranno anche fare votare e in uno scenario di questo tipo.. beh, rimpiangeremo la serietà e la sobrietà di Salvini e della Meloni..

E nel frattempo, l’emergenza sanitaria non accenna a diminuire e con il clima primaverile oramai alle porte, far rispettare i divieti sarà sempre più difficile e di conseguenza anche arginare la costante diffusione del virus. Quanti altri mesi possiamo sopravvivere con 500 persone morte di coronavirus al giorno?

abbiamo bisogno di un colpo di coda da parte di qualcuno o qualcosa ma non vediamo nessuna entità in grado di darlo. E se non arriva ci ritroveremo con intere generazioni completamente fuori mercato, del tipo che dai 45 anni in su avremo il 50% di disoccupazione con interi settori specialistici assolutamente incapaci d’ora in poi di generare valore. Penso a intere generazioni di commercialisti, di avvocati, di consulenti finanziari di vario tipo e genere.. e non a caso il nostro Facebook in questi giorni è pieno di truffatori che si fanno pubblicità proponendo miracolosi sistemi di affiliazioni e proposte finanziarie che non sono altro che schemi Ponzi piramidali (che non a caso furono l’invenzione di un nostro concittadino italiano ed emigrato negli USA :))))))) Ci piacerebbe anche fare dei nomi ma come sempre ci piace l’idea di evitare querele, non si sa mai 🙂

Momento promozionale: gran parte delle proposte truffaldine riguardano sedicenti criptovalute. Diffidate di questi imbonitori da fiera e se volete veramente investire i vostri soldi in qualcosa serio nel settore, i nostri esperti sono a disposizione per una consulenza indipendente.

Il resoconto della nostra giornata: due ore di camminata rigorosamente in giardino andando avanti e indietro 100 metri alla volta e tanta televisione con in aggiunta la visione del rocambolesco Gran Premio di Formula uno di Monaco del 1996. Una gara straordinaria con infiniti colpi di scena che consigliamo a tutti gli appassionati del settore. Oggi persino niente smart working 🙂

Visto che siamo ancora in lutto per la grave perdita dei giorni scorsi, continuiamo a usare immagini di serenità in tema con il lago di Garda, futura sede dello scontro finale con il nemico tedesco. Oggi è il turno del lungolago di Bardolino, ameno luogo dove i tedeschi ordinano il cappuccino come antipasto della cena e credeteci, non scherziamo! Come sempre, tenete duro e alla prossima.